Page 2 of 2 FirstFirst 12
Results 11 to 18 of 18

Thread: Concorso: Storie sull'origine dello Stregone (21.10.2014 - 01.11.2014)

  1. #11
    COSCIENZA

    Mio padre mi parlò di loro, li esiliò dal regno, nei tempi in cui il male prendeva il sopravvento sugli uomini che esercitavano la magia... la magia che fu bandita e perseguita affinchè scomparisse.... ma lui sapeva, io sapevo, la magia non scomparve...si mise solo in attesa....

    Non dimenticherò mai quel giorno, impresso nella mia memoria come la orme di un gigantesco orco nell'argilla.... il mio popolo, la linfa vitale del mio regno...anziani, bambini, uomini e donne, valorosi guerrieri... non vi furono distinzioni, deturpati, agonizzanti, uccisi da piaghe purelenti e dolorose. I medici della peste erano arrivati. Credo non avessero un anima, ma solo un istinto che li spingeva a procurare il terrore, l'agonia ed infine la morte. Il regno crollava sotto il potere della loro magia nera. Merlino, mai come in quel frangente risultò la mia benedizione. La sua magia messa a dura prova e con uno sforzo che per poco non provacava a lui stesso la morte, riuscì a respingerli, e salvare quel poco che rimaneva......... ma non la mia coscienza. Li respinse fin da dove venivano, nelle oscure foreste, luoghi bui e tetri dove la magia nera regnava sovravana.... li respinse fin dove già sapevo esercitavano le loro arti oscure.... Per questo ora, miei prodi cavalieri, vi chiedo di spingerci li e porre fine a questo male, oggi che la magia è tornata nel regno oggi che affiancati dagli Stregoni Protettori di Merlino, abbiamo un vantaggio...aiutatemi a salvare la mia coscienza....quel poco che ne rimane.


    LORD CINFUEGO GOSWHIT 304

  2. #12
    LA COSCIENZA

    Mio padre mi parlò di loro, li esiliò dal regno, nei tempi in cui il male prendeva il sopravvento sugli uomini che esercitavano la magia... la magia che fu bandita e perseguita affinchè scomparisse.... ma lui sapeva, io sapevo, la magia non scomparve...si mise solo in attesa....

    Non dimenticherò mai quel giorno, impresso nella mia memoria come la orme di un gigantesco orco nell'argilla.... il mio popolo, la linfa vitale del mio regno...anziani, bambini, uomini e donne, valorosi guerrieri... non vi furono distinzioni, deturpati, agonizzanti, uccisi da piaghe purelenti e dolorose. I medici della peste erano arrivati. Credo non avessero un anima, ma solo un istinto che li spingeva a procurare il terrore, l'agonia ed infine la morte. Il regno crollava sotto il potere della loro magia nera. Merlino, mai come in quel frangente risultò la mia benedizione. La sua magia messa a dura prova e con uno sforzo che per poco non provacava a lui stesso la morte, riuscì a respingerli, e salvare quel poco che rimaneva......... ma non la mia coscienza. Li respinse fin da dove venivano, nelle oscure foreste, luoghi bui e tetri dove la magia nera regnava sovravana.... li respinse fin dove già sapevo esercitavano le loro arti oscure.... Per questo ora, miei prodi cavalieri, vi chiedo di spingerci li e porre fine a questo male, oggi che la magia è tornata nel regno oggi che affiancati dai Stregoni Protettori di Merlino, abbiamo un vantaggio...aiutatemi a salvare la mia coscienza....quel poco che ne rimane.


    LORD CINFUEGO - GOSWHIT 304

  3. #13

    l'anno dello stregone

    L’anno dello stregone, la leggenda narra che vi fu il tempo in cui tutti la notte non uscivano più dalle proprie dimore per paura degli spiriti maligni che infestavano l’intero territorio.... Indescrivibili orrori raccontavano le poche persone coraggiose sopravvissute, che affrontavano le oscurità della notte. Merlino incapace di far fronte a tale sventura, fece ricorso a tutte le sue magie per debellare le maligne creature dell’oscurità. Come ultima risorsa chiamo a corte Lo stregone della morte, il mangia spiriti. Una creatura abominevole e immortale, l’unica capace di assorbire il male neutralizzandolo nella propria anima. Il prezzo da pagare allo stregone mangia spiriti era alto, lui pretendeva di restare 100 anni nei luoghi liberati..... I Rappresentati del popolo furono chiamati a corte, ed informati, decisero di ingaggiare Lo stregone per liberare la notte dagli spiriti maligni, ma di offrire a lui in ricompensa dei servigi offerti, le tre più belle donne nubili del regno, negandoli il soggiorno di 100 anni. Lo stregone accetto, liberando in una sola notte l’intero regno di Re Artù. Torno dopo una settimana a esigere il suo tributo nel laboratorio di mago merlino, il quale aveva già preparato le tre magnifiche fanciulle, con un gesto della mano l’accompagno vicino quell’abominevole essere vivente, il quale con un ghigno spettrale le accolse a se e le porto via in un attimo. Ma il sorriso di merlino la diceva lunga, la tranquillità del suo operato era quanto meno strano..... Lo stregone stringeva a se le sue bellissime creature quando Le prime luci dell’alba irraggiavano i lunghi capelli biondi delle fanciulle, riflettendo negli occhi azzurri il cielo luminoso, in quel preciso istante lo stregone comprese il raggiro di Merlino, le tre creature si trasformarono in bellissime farfalle che volarono via lontano da lui...... Merlino non poteva sconfiggere le anime malvagie ma poteva aver ragione dell’immortale stregone.... Il regno era libero dal male ancora una volta....
    Giorgioilgrande 304

  4. #14
    L’anno dello stregone, la leggenda narra che vi fu il tempo in cui tutti la notte non uscivano più dalle proprie dimore per paura degli spiriti maligni che infestavano l’intero territorio.... Indescrivibili orrori raccontavano le poche persone coraggiose sopravvissute, che affrontavano le oscurità della notte. Merlino incapace di far fronte a tale sventura, fece ricorso a tutte le sue magie per debellare le maligne creature dell’oscurità. Come ultima risorsa chiamo a corte Lo stregone della morte, il mangia spiriti. Una creatura abominevole e immortale, l’unica capace di assorbire il male neutralizzandolo nella propria anima. Il prezzo da pagare allo stregone mangia spiriti era alto, lui pretendeva di restare 100 anni nei luoghi liberati..... I Rappresentati del popolo furono chiamati a corte, ed informati, decisero di ingaggiare Lo stregone per liberare la notte dagli spiriti maligni, ma di offrire a lui in ricompensa dei servigi offerti, le tre più belle donne nubili del regno, negandoli il soggiorno di 100 anni. Lo stregone accetto, liberando in una sola notte l’intero regno di Re Artù. Torno dopo una settimana a esigere il suo tributo nel laboratorio di mago merlino, il quale aveva già preparato le tre magnifiche fanciulle, con un gesto della mano l’accompagno vicino quell’abominevole essere vivente, il quale con un ghigno spettrale le accolse a se e le porto via in un attimo. Ma il sorriso di merlino la diceva lunga, la tranquillità del suo operato era quanto meno strano..... Lo stregone stringeva a se le sue bellissime creature quando Le prime luci dell’alba irraggiavano i lunghi capelli biondi delle fanciulle, riflettendo negli occhi azzurri il cielo luminoso, in quel preciso istante lo stregone comprese il raggiro di Merlino, le tre creature si trasformarono in bellissime farfalle che volarono via lontano da lui...... Merlino non poteva sconfiggere le anime malvagie ma poteva aver ragione dell’immortale stregone.... Il regno era libero dal male ancora una volta....
    Giorgioilgrande 304

  5. #15
    C’è il tempo della pace (che non dura mai a lungo) e........ c’è il tempo della guerra. Tutti sapevano a Camelot che l’apparente tranquillità era presagio di una imminente guerra. La leggenda narra che: mentre tutti avevano paura di un invasione nemica la minaccia venne fuori dalle viscere della terra...... Lo sconosciuto stregone risorse dagli inferi per sottomettere il popolo di re Artù
    Cosi nacque la legenda dello stregone venuto dagli inferi della terra, apparso dal nulla incuteva, paura e terrore nelle popolazioni inermi....il bui0 scendeva sulle terre portando via chiunque attraversasse anche solo per un attimo la prospettiva dello stregone....... si ingaggiarono i migliori guerrieri senza alcun risultato e poi la parola fu data alla magia..... Merlino evoco i succhia anime, i malefici spettri delle oscurità contro lo stregone nato dalla terra.... la battaglia fu impressionante e durò a lungo ma alla fine tutto torno come prima i succhia anime ebbero ragione dello stregone liberando il popolo dal terrore delle oscurità.... e merlino dovette rinunciare a molte delle sue pozioni per ricompensare gli spettri suoi amici di sempre..... Russ’ 304

  6. #16
    C’è il tempo della pace (che non dura mai a lungo) e................ c’è il tempo della guerra. Tutti sapevano a Camelot che l’apparente tranquillità era presagio di una imminente guerra. La leggenda narra che: mentre tutti avevano paura di un invasione nemica la minaccia venne fuori dalle viscere della terra...... Lo sconosciuto stregone risorse dagli inferi per sottomettere il popolo di re Artù
    Cosi nacque la legenda dello stregone venuto dagli inferi della terra, apparso dal nulla incuteva, paura e terrore nelle popolazioni inermi....il buio scendeva sulle terre portando via chiunque attraversasse anche solo per un attimo la prospettiva dello stregone....... si ingaggiarono i migliori guerrieri senza alcun risultato e poi la parola fu data alla magia..... Merlino evoco i succhia anime, i malefici spettri delle oscurità contro lo stregone nato dalla terra.... la battaglia fu impressionante e durò a lungo ma alla fine tutto torno come prima i succhia anime ebbero ragione dello stregone liberando il popolo dal terrore delle oscurità.... e merlino dovette rinunciare a molte delle sue pozioni per ricompensare gli spettri suoi amici di sempre..... Russ’ 304

  7. #17

    Gli Stregoni

    L'anno 1000 era alle porte e l'umanità si interrogava su quale fosse il proprio destino. Sventure e cataclismi erano annunciati dagli aruspici.
    Nulla di funesto accedde; nacquero solo alcuni bambini speciali, i futuri stregoni, destinati ad aiutare chi li avesse accolti ed arecare sventura a chi li avesse respinti o combattuti.
    Sono cresciuti nell'ombra prendendo coscienza, con la giovinezza, dei loro poteri, esercitandosi nelle caverne e nei luoghi più remoti per celare al mondo la loro presenza.
    Attorno a loro accadevano eventi che le persone comuni non comprendevano, guarigioni, miracoli, fertilità dei campi e abbondanza nei raccolti, ma anche catastrofi e distruzione; tutto dipendeva da come venivano accolti.
    Col tempo gli uomini hanno imparato a riconoscerli ed accettarli, permettendo loro di vivere nei loro villaggi.
    Gli stegoni, grati di ciò, giurarono eterna fedeltà agli uomini impegnandosi a combattere coi propri poteri i nemici che avesso osato attaccare i villaggi dove avevano trovato dimora.
    Agli Stregoni non importava apparire, agivano nell'ombra utilizzando la loro oscura magia; hanno combattuto molte guerre ed i nemici ancora piangono i loro morti e convivono con le cicatrici delle ferite subite.
    Attenti uomini inclini alla guerra, non abbiate l'ardire o la scelleratezza di attaccare i loro villaggi, altrimenti conoscere il lato oscuro delle loro arti magiche.

    Lord lorenzo123 - Rhon 438

  8. #18
    Argaj L'Immortale
    Nelle profondità dell'universo, dove l'oscurità regna sovrana, vive un'entità potentissima di nome Argaj, il signore dell'oscurità. Si racconta che quest'ultimo, quando la terra apparteneva ancora ai 5 Carnack, fosse il più potente dei re, il primo dei grandi re di Camelot. Al tempo il mondo imperversava nel caos; i Carnack, vantavano la creazione della razza umana e pretendevano da quest'ultimi adorazione e sacrificio, ne disponevano a loro piacimento e distruggevano chiunque gli si metteva contro; mentre, gli uomini, governati dall'odio e dall'egoismo, si combattevano senza sosta tra loro. Molte furono le rivolte e le battaglie levate dagli uomini contro i Carnack, ma la loro potenza era ineguagliabile; e durante l' ultima delle battaglie, la razza umana venne decimata. Fu proprio in questo contesto che un mercenario dell'esercito del nord, decise di andare incontro ai Carnack da solo. Li affrontò da solo, trafiggendoli uno dopo l'altro con la sua spada e ne prese in se i poteri. Aveva ereditato dai Carnack i segreti della creazione, la longevità, la forza, il potere magico e l'oscurità. Al termine della battaglia Argaj infilò la spada in un grande masso, intorno al quale costruì il suo regno, Camelot. Camelot era nata come una prigione oscura, dove la magia era utilizzata per schiavizzare i popoli liberi e in tutto il mondo non si conoscevano gioia o felicità. Argaj e le sue orde di maghi oscuri governarono per 300 anni, fino a quando per lui e i suoi stregoni arrivò il tempo di andare. Aveva avuto una vita lunga, piena di malvagità e l'aver ucciso i Carnack aveva segnato il suo futuro. Fu confinato nella parte più oscura dell'universo, da dove avevano avuto origine i Carnack, nella speranza che qualcuno attraverso la sua spada lo riportasse a Camelot. La spada rimase nella piazza della città fino alla fine del regno di Argaj , per 1000 anni e 1000 anni ancora e Camelot fu dimenticata. Fu un principe di nome Artù a ritrovare la vecchia città in rovina, e trovò al suo centro una spada. Vi si avvicino, posò la sua mano sull'arma e.........

    Lord Travis, Arthur 385

Page 2 of 2 FirstFirst 12

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •